Taormina Film Fest 2017: Arrivano le Prime Anticipazioni

di -
0 272

Avviata la macchina organizzativa del Taormina Film Fest che, quest’anno, si svolgerà dal 6 al 9 luglio. La 63esima edizione della bella kermesse taorminese sarà una maratona di cinema nazionale ed internazionale che punterà alla qualità e all’impegno sociale e culturale dei film selezionati.

Annunciate già due master class. Il 7 luglio al Palazzo dei Congressi (Sala A) quella dedicata a Fabio Grassadonia e Antonio Piazza registi di Sicilian Ghost Story, che ha inaugurato con grande successo la Semaine de la Critique del Festival di Cannes. L’incontro sarà preceduto dalla proiezione del film La morte corre sul fiume (1955), capolavoro diretto da Charles Laughton (fu, purtroppo, la sua unica regia) ed interpretato da Robert Mitchum, Lillian Gish e Shelley Winters. Una fiaba onirica che ha ispirato ed influenzato i due bravissimi cineasti siciliani.

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza – Foto di Giulia Parlato

Sulla partecipazione a Cannes di Sicilian Ghost Story, pellicola autoriale assai matura, sostenuta dalla Sicilia Film Commission, l’assessore al Turismo, Sport, Spettacolo della Regione Siciliana, Anthony Barbagallo, afferma: «Un grande riconoscimento internazionale che ci riempie di orgoglio perché oltre a confermare il talento di due registi straordinari, che avevamo già avuto modo di sostenere, presenta al mondo scenari siciliani di rara e inconsueta bellezza naturalistica come quelli del Parco Regionale dei Nebrodi dove, tra laghi e foreste impensate, il film è stato girato».

Il 9 luglio, sempre al Palazzo dei Congressi (Sala A), la seconda master class con Isabella Ragonese, notevole protagonista di Sole Cuore Amore, un film drammatico e durissimo di Daniele Vicari. L’omaggio a Isabella Ragonese coinvolgerà tutte le giornate del festival con quattro proiezioni di opere scelte accuratamente dalla celebre attrice palermitana.

Locandina del film Sole Cuore Amore (2016) di Daniele Vicari

Il Taormina Film Fest 2017 dedicherà inoltre alla settima arte un’intera Notte Bianca (l’8 luglio) con proiezioni, concerti e presentazioni di libri e cineasti famosi in angoli suggestivi di Taormina e con due chicche uniche e speciali che indagheranno a fondo la Nona sinfonia di Beethoven, eseguita magistralmente al Teatro Antico dall’Orchestra e Coro del Massimo Bellini di Palermo, diretta per l’occasione da uno dei più grandi direttori d’orchestra del mondo, Zubin Mehta, le proiezioni di Arancia meccanica (1971) di Stanley Kubrick e Lezione ventuno (2008) di Alessandro Baricco.

L’edizione numero sessantatré del festival di Taormina è organizzata direttamente in house da Taormina Arte Cinema con un gruppo di lavoro, coordinato da Ninni Panzera, e composto da Sino Caracappa, in rappresentanza del Coordinamento dei Festival del Cinema in Sicilia, Paolo Signorelli, presidente regionale dell’ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema), e ha il supporto di Sicilia Film Commission e del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, presieduto da Laura Delli Colli. Partecipano inoltre l’associazione degli autori cinematografici e dei produttori, la Cineteca nazionale e l’associazione dei documentaristi italiani.

Il comitato organizzatore è proprio in questi giorni a Cannes per selezionare e scegliere i film da presentare in concorso e fuori concorso.

Articoli simili