Inaugurata lo scorso 11 febbraio a Sansepolcro, negli spazi espositivi del Museo Civico, la mostra Nel segno di Roberto Longhi. Piero della Francesca e Caravaggio ha aperto una ricca stagione espositiva, che proseguirà da giugno con Luca Pacioli. Tra Piero della Francesca e Leonardo. Fino al prossimo novembre la visita del museo sarà pertanto l’occasione per ammirare importanti opere dei grandi maestri dell’arte italiana in dialogo con i capolavori di Piero della Francesca.

Michelangelo Merisi, detto Il Caravaggio (Milano, 1571 – Porto Ercole, 1610) – Ragazzo morso da un ramarro (1595-1596 circa) Olio su tela cm 65,8 x 52,3 (senza cornice) – Firenze, Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi

Con il rientro a Sansepolcro della Madonna della Misericordia, dopo il successo dell’evento milanese a Palazzo Marino, il Museo Civico torna dunque ad essere al centro dell’offerta culturale con questa esposizione che, fino al prossimo 4 giugno, presenta un inedito accostamento tra Caravaggio e Piero della Francesca, che a prima vista potrebbe sembrare azzardato. Eppure, le motivazioni emergono se si guardano i due artisti, tra loro così lontani e diversi, nel segno di Roberto Longhi. Entrambi, infatti, furono studiati e “riscoperti” dallo storico dell’arte già a partire dai suoi anni formativi.

Roberto Longhi (1890-1970) è una delle personalità più affascinanti della storia dell’arte del XX secolo e fondamentali sono stati i suoi studi sul Caravaggio, su Piero della Francesca e sugli artisti operosi in quella che chiama, con un titolo parlante, “Officina ferrarese”.

Del Caravaggio Longhi fu “scopritore” moderno, lucido studioso e collezionista, tanto da acquisire per la propria “raccolta” intorno al 1928 il Ragazzo morso da un ramarro. La tela, dipinta verso il 1595, è certamente uno dei più significativi capolavori giovanili di Caravaggio, che con i suoi splendidi dettagli di natura morta e straordinari effetti luministici coglie, quasi come in un’istantanea fotografica, il momento un cui il giovane si ritrae improvvisamente per il morso di un ramarro.

Su Piero della Francesca Longhi scrisse nel 1927 una monografia tuttora imprescindibile, anticipata dal lucidissimo saggio del 1914, Piero dei Franceschi e lo sviluppo della pittura veneziana, fondamentale per l’innovativa lettura del pittore di Borgo Sansepolcro, visto dallo storico dell’arte non solo nella sua “ascendenza” fiorentina, ma anche, e soprattutto, nella sua “discendenza” veneziana, quella di Antonello da Messina e di Giovanni Bellini. A ideale apertura della mostra il meraviglioso Polittico della Misericordia, protagonista della recente esposizione natalizia di Palazzo Marino a Milano e riportato di recente nel suo assetto originario all’interno del Museo Civico di Sansepolcro.

Ercole de’ Roberti (Ferrara 1450 circa – 1496) – Ritratto di giovane (recto) (1480-1490 circa) cm 47 x 36,2 – Collezione privata – © Luca Carrà

La tavola di Ercole de’ Roberti Ritratto di giovane, che reca nel verso un Ritratto di giovane donna – appartenente a una collezione privata – viene esposta in mostra a testimonianza della «discendenza, per quanto evoluta e ormai incrociata di veneto», del profilo “nitido” del giovane da quelli di Piero, come ebbe a riconoscere Longhi nel volume Officina ferrarese del 1934.

Accanto al Caravaggio, alla tavola di Ercole de’ Roberti e al polittico di Piero della Francesca, saranno esposti documenti provenienti dall’archivio, dalla biblioteca e dalla fototeca della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi.

Nel segno di Roberto Longhi. Piero della Francesca e Caravaggio è curata da Maria Cristina Bandera, Direttore Scientifico della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, è promossa dal Comune di Sansepolcro ed organizzata da Civita Mostre.

Il catalogo della mostra, edito da Marsilio, comprende saggi di Maria Cristina Bandera e di Mina Gregori e un’antologia di brani di Roberto Longhi sulle opere esposte. Un efficace allestimento, progettato da Corrado Anselmi, valorizzerà la ricchezza dei capolavori esposti nel contesto del museo.

La mostra successiva, dedicata a Luca Pacioli (1445-1517) tra Piero della Francesca e Leonardo, che sarà aperta al pubblico dal 10 giugno al 5 novembre, intende celebrare i cinquecento anni dalla morte del grande matematico. Vi saranno esposti tra gli altri un disegno di Leonardo conservato nel Castello Sforzesco e un dipinto del suo allievo Giampietrino, concesso dal Museo Poldi Pezzoli.


Sede

Museo Civico – Via Niccolò Aggiunti, 65 – Sansepolcro

Orario di apertura

dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 18

Biglietti

€ 10,00 Intero

€ 8,50 Ridotto per gruppi di almeno dieci persone, giovani tra 19 e 25 anni, apposite convenzioni;

€ 4,00 Ridotto speciale per ragazzi tra 11 e 18 anni;

Gratuito per minori di 10 anni, disabili, giornalisti accreditati

Per saperne di più

www.mostrapieroecaravaggio.it