CineMigrare: il Cinema Senza Frontiere

di -
0 328

Cécile Kyenge, politica italiana di origini africane, una volta ha detto: «Si parla di razzismo perché c’è molta non conoscenza dell’altro, bisogna abbattere i muri o aumenteranno le differenze. L’immigrazione è una ricchezza». E proprio su questo punto bisogna far leva, portando la conoscenza nei luoghi di maggiore concentrazione culturale.

Locandina di CineMigrare 2017

Luogo di cultura per eccellenza è l’ex Monastero dei Benedettini, oggi sede del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania, location di prestigio dove si terrà la prima edizione del festival CineMigrare – Rassegna Internazionale di Cinema Senza Frontiere. L’evento, articolato in un’unica giornata e a ingresso totalmente libero, prevede la proiezione di due documentari e due cortometraggi prettamente legati al tema dell’integrazione di soggetti stranieri ed espressioni di comunità immigrate presenti in Italia.

Il festival nasce nell’ambito della programmazione internazionale dell’Hub International Film Fest ed è organizzato dalla giovane e dinamica Associazione Culturale No_Name, in collaborazione con il Centro di Progettazione e Ricerche Geografiche – ProGeo e le Associazioni HUBITALIA e Gravina Arte, con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania.

Il programma della rassegna, che si svolgerà il 12 maggio e avrà come sede principale l’Auditorium Giancarlo De Carlo, prevede non solo la proiezione di documentari e cortometraggi sulla tematica in questione, ma anche due conferenze che avranno come protagonisti i registi Francesco Di Martino (U stisso sangu – Storie più a sud di Tunisi), Fabio Schifilliti (Al di là del mare: la paura e la speranza) e Daniel Pellegrino (Tor). Nell’occasione, i registi verranno insigniti dello speciale Premio CineMigrare 2017 per “aver saputo veicolare la conoscenza del tema dell’immigrazione e dell’integrazione”. Inoltre, ad arricchire gli incontri in qualità di moderatori e relatori ci saranno Nunzio Famoso (docente universitario di Geografia), Alessandro Aiello (Scuola FuoriNorma), Lucio Di Mauro (giornalista televisivo) e Andrea Maglia (giornalista).

Curatori della manifestazione sono Cirino Cristaldi, Giampiero Gobbi e Flavio Picciolo, membri del direttivo dell’Associazione Culturale No_Name.

Francesco Di Martino

Programma

Venerdì 12 maggio 2017

Ore 11.00 – U stisso sangu, il crudo racconto del viaggio della speranza

Andrea Maglia (giornalista), Alessandro Aiello (Scuola FuoriNorma), Francesco Di Martino (regista). Prevista un’apertura con proiezione del cortometraggio Il potere dell’oro rosso e una chiusura con premiazione del regista e proiezione del documentario U stisso sangu – Storie più a sud di Tunisi.

Ore 18.00 – Mediterraneo, nuovi scenari geopolitici

Lucio Di Mauro (giornalista televisivo), Nunzio Famoso (docente universitario di Geografia), Daniel Pellegrino (regista), Fabio Schifilliti (regista). Prevista un’apertura con proiezione del cortometraggio Tor e una chiusura con premiazione dei registi ospiti e proiezione del documentario Al di là del mare: la paura e la speranza.

Fabio Schifilliti

Elenco completo opere proiettate

U stisso sangu – Storie più a sud di Tunisi, Francesco Di Martino, 2009 (55 minuti, documentario);

Al di là del mare: la paura e la speranza, Fabio Schifilliti (in qualità di supervisore alla regia), 2016 (21 minuti, documentario);

Tor, Daniel Pellegrino, 2017 (15 minuti, cortometraggio)

Il potere dell’oro rosso, Davide Minnella, 2015 (19 minuti, cortometraggio).